La sintesi della prima giornata congressuale

  giovedì 22 novembre 2012 - 23:11:08 | Eurolegal.it

Nel reportage di Antenna Sud la sintesi degli interventi dei relatori e gli umori raccolti in platea fra i delegati ed i partecipanti.
Noi del Laboratorio abbiamo particolarmente apprezzato l'intervento serale, appassionato, dell'ottimo Prof. Avv. Andrea Pisani Massamormile, il quale ha sottolineato il ruolo degli avvocati, "difensori delle idee armati di cultura" pronti a combattere "contro l'omologazione delle coscienze".


Stampa veloce crea pdf di questa news

La diretta del XXXI Congresso Nazionale Forense

  giovedì 22 novembre 2012 - 10:04:56 | Eurolegal.it


A questo link l'intervento di apertura dei lavori ed il saluto del Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bari, Avv. Emmanuele Virgintino.
A questo link lo speech del Presidente del CNF, Prof. Avv. Guido Alpa.
A questo link il comunicato stampa diramato dall'OUA contenente le dichiarazioni del suo Presidente, Avv. Maurizio de Tilla.
A questo link la relazione "Le riforme dell'appello civile e l'introduzione del filtro" presentata nel pomeriggio dal Prof. Avv. Giorgio Costantino.

Stampa veloce crea pdf di questa news

Il servizio giornalistico di Antenna Sud sul Congresso Nazionale Forense

  giovedì 22 novembre 2012 - 09:28:49 | Eurolegal.it

La sintesi della presentazione dell'evento tenutasi ieri in Sala Consiliare dell'Ordine e le interviste rilasciate alla stampa dal Presidente del CNF Guido Alpa e dal Presidente dell'OUA Maurizio de Tilla.


Stampa veloce crea pdf di questa news

Domani parte il XXXI Congresso Nazionale Forense ed il nodo gordiano resta la riforma dell' ordinamento professionale

  giovedì 22 novembre 2012 - 00:33:05 | Eurolegal.it

"L'avvocatura è presidio di democrazia solidale nonostante la crisi economica, offre un enorme servizio al paese contribuendo alla organizzazione e alla amministrazione della giustizia". Così il Prof. Avv. Guido Alpa, Presidente del Consiglio Nazionale Forense, ha presentato oggi in Sala Consiliare il XXXI Congresso Nazionale Forense che partirà ufficialmente domani al Petruzzelli e si protrarrà fino al 24 novembre. Il Presidente Alpa ha dichiarato inoltre: "chiederemo l'approvazione della riforma forense, che restituisce dignità alla professione in linea con la sua funzione costituzionale e garantisce ai cittadini una difesa qualificata e trasparente. E al parlamento e al governo sostegno per svolgere a pieno, in autonomia e indipendenza, il nostro servizio a favore dei cittadini".
Il testo ufficiale della riforma forense (AS 601-B) tuttavia, così com'è, non convince del tutto. Persistono rilevanti criticità che opportunamente sono state evidenziate e riassunte dal Presidente dell'Ordine di Firenze, Avv. Sergio Paparo, nel video che vi proponiamo.


Stampa veloce crea pdf di questa news

Approvata la riforma del condominio

  martedì 20 novembre 2012 - 21:10:39 | Eurolegal.it

Diventa legge la riforma del condominio. Il progetto così come è stato modificato alla Camera, infatti, è passato con voto unanime in commissione Giustizia al Senato.
Le novità riguardano l’amministratore, il riscaldamento, gli animali.
L’amministratore resterà in carica due anni. Dovrà avere requisiti di formazione e onorabilità: non dovrà essere stato condannato per delitti contro la Pubblica Amministrazione e dovrà avere almeno il diploma di maturità e aver frequentato un apposito corso; inoltre, ove sia richiesto dall'assemblea, dovrà stipulare una speciale polizza assicurativa a tutela dei rischi derivanti dal proprio operato. Qualora abbia commesso gravi irregolarità fiscali o non abbia aperto o utilizzato il conto corrente condominiale, l'amministratore potrà essere licenziato prima della fine del mandato. Nel testo, poi, è disciplinato il comportamento di quest’ultimo verso i condomini morosi: potrà procedere con l'ingiunzione senza chiedere una preventiva autorizzazione dell'assemblea e potrà comunicare ai creditori i dati di chi non paga. Se la mora dura più di 6 mesi, dovrà sospendere il condomino debitore dalla fruizione dei servizi comuni.
Quanto al riscaldamento, invece, chi si vuole staccare dall'impianto centralizzato potrà farlo senza dover attendere il benestare dell'assemblea, ma a patto di non creare pregiudizi agli altri e di continuare a pagare la manutenzione straordinaria dell'impianto condominiale.
Sulle decisioni cala il quorum per deliberare in prima convocazione: dovrà essere pari alla maggioranza degli intervenuti in assemblea, che rappresentino almeno la metà dei millesimi. Per il cambio di destinazione d'uso dei locali comuni, basteranno i quattro quinti dei consensi. Potranno, inoltre, impugnare le delibere assembleari, per annullarle, anche i condomini che si sono astenuti. E’ stata reintrodotta la mediazione obbligatoria in caso di controversie.
La riforma del condominio introduce anche maggior rigore contro chi arreca danni o disturba. Per chi viola il regolamento condominiale la sanzione è stata aggiornata: da 0,052 euro a 200 euro. In caso di recidiva si arriva a 800 euro.
Infine non si potrà più vietare ai condomini di tenere in casa animali domestici.

Stampa veloce crea pdf di questa news

Vai a pagina   <<        >>