La relazione inaugurale dell'anno giudiziario del CNF

  mercoledì 26 giugno 2013 - 21:04:54 | Eurolegal.it

A questo link la relazione inaugurale dell'anno giudiziario del CNF presentata dal Presidente Guido Alpa.
Alla presenza del Ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, il Presidente Alpa ha evidenziato che la crisi economica ha provocato un tunnel recessivo e ci sarà molto da fare per riconquistare i confini dei diritti perduti. Ha sottolineato i costi eccessivi ed i limiti all’accesso che possono essere rimossi. Ha dichiarato che l'avvocatura sente la sua responsabilità sociale ed è disponibile al dialogo ed alla cooperazione con il Ministero, il CSM e le Istituzioni per realizzare soluzioni condivise ed efficienti. Il Presidente Alpa ha infine preannunciato che il CNF consegnerà al Ministro Cancellieri un pacchetto di proposte concrete per un effettivo miglioramento del servizio-Giustizia.

Stampa veloce crea pdf di questa news

Le SS.UU. aprono alla risarcibilità del danno da lite temeraria nel processo tributario

  martedì 25 giugno 2013 - 11:17:32 | Eurolegal.it

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno affermato, con ordinanza n.13899 del 3 giugno 2013, che il giudice tributario è competente a decidere la domanda risarcitoria proposta dal contribuente a titolo di responsabilità processuale aggravata, di cui all’art. 96 cod. proc. civ., ed altresì, che la condanna alla corresponsione della somma può riguardare anche il danno derivante dall’esercizio, da parte dell’Amministrazione finanziaria, di una pretesa impositiva “temeraria”, in quanto derivata da mala fede o colpa grave, con conseguente necessità, da parte del contribuente, di adire il giudice tributario.

Stampa veloce crea pdf di questa news

Pubblicato l'elenco degli ammessi all'orale nella sessione 2012

  lunedì 24 giugno 2013 - 14:59:46 | Eurolegal.it

Sul sito istituzionale dell'Ordine degli Avvocati di Bari sono stati pubblicati i nominativi dei candidati che hanno superato le prove scritte dell'esame di abilitazione professionale per la sessione 2012.
L'elenco è a questo link.

Stampa veloce crea pdf di questa news

In G.U. il c.d. «decreto del fare» (tanto per fare)

  sabato 22 giugno 2013 - 20:43:34 | Eurolegal.it

E’ entrato in vigore da oggi il Decreto Legge 21 giugno 2013 n. 69, pubblicato in G.U. Serie Generale n.144 del 21-6-2013 - Suppl. Ordinario n. 50, dal titolo "Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia" (già noto come "decreto del fare", di cui avevamo parlato qui, qui e qui). Leggendo le disposizioni in materia di mediazione obbligatoria (rimasta onerosa anche in questa versione definitiva) è facile prevedere che vi saranno nuovi rinvii alla Consulta per evidente violazione di norme costituzionali e dei principi di uguaglianza e ragionevolezza universalmente riconosciuti.
Come spiegato nel paper dell'OCSE che abbiamo linkato nel precedente post occorrerebbe una vera, incisiva ed organica riforma dell'intero sistema-Giustizia, ma in Italia quando si affronta l'argomento in profondità (toccando temi sensibili come la responsabilità civile dei magistrati) o si accantona il progetto o si minacciano crisi di Governo.

Stampa veloce crea pdf di questa news

Ciò che davvero occorrerebbe fare (e che invece manca nel decreto del "fare")

  venerdì 21 giugno 2013 - 23:06:19 | Eurolegal.it

E' quanto elencato nel recente paper dal titolo "Giustizia civile: come promuoverne l’efficienza?" diffuso dall'OCSE. Di seguito quattro brevi e chiari consigli per migliorare la pessima posizione dell'Italia nelle statistiche:

La ragionevole durata dei procedimenti è un elemento essenziale di una giustizia efficace, insieme all’accuratezza e alla certezza delle decisioni e a condizioni eque di accesso al sistema. Tempi lunghi di risoluzione delle controversie generano incertezza e infliggono costi elevati alle imprese; inoltre, riducono la fiducia nel sistema giudiziario.

La prevedibilità delle decisioni giudiziarie, ovvero la possibilità di anticipare l’interpretazione della regola che verrà stabilita dal giudice, garantisce la certezza del diritto e permette agli agenti economici di valutare le possibili conseguenze legali delle loro azioni, consentendone una corretta programmabilità.

La diffusione delle tecnologie informatiche assicura benefici direttamente, riducendo i costi e i tempi di lavoro, e indirettamente, consentendo di implementare tecniche di “caseflow management” e assicurando una maggiore e migliore disponibilità di informazioni. Con il termine caseflow management si indicano le attività di supervisione e gestione dei flussi di lavoro finalizzate a garantirne un razionale andamento.

La specializzazione per materia consente ai giudici di acquisire una conoscenza specifica di una determinata area del diritto e delle questioni sostanziali e procedurali connesse alle relative controversie. In tal modo essa accresce la produttività dei giudici e il grado di uniformità delle decisioni.

Stampa veloce crea pdf di questa news

Vai a pagina   <<        >>